Archivio Giurisprudenza

Pagina 3 di 66

T.A.R. Molise Campobasso - Sentenza n. 60 del 04/03/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Segreti tecnici e commerciali)

Non costituisce una “motivata e comprovata dichiarazione” in ordine alla esistenza di "segreti tecnici e commerciali" ex art. 53, comma 5, lett. a), del Codice dei contratti quella secondo la quale l’offerta tecnica e le giustificazioni << recano indicazioni precise della denominazione e ragione sociale di terzi che intrattengono rapporti commerciali talvolta in esclusiva con la scrivente; forniscono cognizioni del Know-How aziendale, presupposto principale del mantenimento della propria concorrenzialità della procedura di evidenza pubblica; forniscono elementi in ordine alla capacità di acquisto della scrivente; possono essere lesivi delle clausole di riservatezza di cui i soggetti terzi chiedono allo scrivente l’osservanza, in ordine alle informazioni, Know-How e segreti tecnici e/o commerciali trasmessi da terzi allo scrivente per esclusivo utilizzo connesso con la partecipazione alla procedura di gara indetta … >> [vedi Scheda Esclusioni (accesso agli atti delle procedure contrattuali)].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato - Sentenza n. 1522 del 03/03/2022

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (OGGETTO) (Limitazioni relative a tutela di interessi pubblici)

Va accolta l’istanza di accesso civico generalizzato ai dati relativi al monitoraggio, al controllo ed alle verifiche ispettive dei centri di accoglienza per richiedenti asilo, fatti salvi il differimento dell’accesso ai documenti relativi all’attività ispettiva ancora in atto qualora esso possa vanificare le ragioni dell’ispezione e l’eventuale omissione dei “dati personali” dei soggetti coinvolti (riforma TAR Roma 2021/4103) [vedi Scheda Limitazioni relative a tutela di interessi pubblici (art. 5-bis comma 1 D.Lgs. 33/2013)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 2485 del 02/03/2022

OGGETTO (L. 241/90) (Documenti inesistenti)

Qualora i documenti richiesti dal privato non risultino esistenti negli archivi dell’Amministrazione, quest’ultima è tenuta a certificarlo, così da attestarne l’inesistenza e fornire adeguata certezza al richiedente; non è invero sufficiente - al fine di dimostrare l’oggettiva impossibilità di consentire il diritto di accesso - la mera e indimostrata affermazione in ordine alla indisponibilità dei documenti richiesti, spettando all’Amministrazione l’indicazione, sotto la propria responsabilità, degli atti inesistenti o indisponibili che non è in grado di esibire, con l’obbligo di dare dettagliato conto delle ragioni concrete di tale impossibilità (nel caso di specie il T.A.R. ha ritenuto inidonea una mail interna del Segretario comunale che si limitava a comunicare che "dopo varie ricerche, agli atti di questo Ufficio non risulta nessun contratto rogato tra il Comune e ....") [per l'ampia analisi della questione vedi Scheda OGGETTO (L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Veneto Venezia - Sentenza n. 383 del 02/03/2022

PROCEDIMENTO (L. 241/90) (Fase decisoria - Termine di conclusione del procedimento) - OGGETTO (L. 241/90) (Detenzione del documento)

La nota cui un Comune comunica al richiedente di avere richiesto indicazioni alla Prefettura ed al Ministero dell’Interno in merito alla gestione della domanda, avvertendo che i termini di conclusione del procedimento sono sospesi fino a quando dette Autorità non si siano espresse è inidonea a differire il termine di conclusione del procedimento e non impedisce il perfezionamento del silenzio-diniego [vedi Scheda Procedimento (L. 241/90) - Fase decisoria]. eve essere accolta l’istanza di accesso agli indici decennali di nascita e di matrimonio nel periodo compreso tra il 1871 ed il 1901 per fini di studio e di ricerca, atteso che l’accesso agli “archivi storici” di una P.A. per dette finalità è libero e gratuito ai sensi del D.Lgs. 42/2004 La "detenzione" del documento da parte della P.A.].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 2450 del 02/03/2022

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) - Soggetti portatori di interessi collettivi, diffusi e generali)

Un’associazione che per statuto persegue la finalità di protezione degli animali e dei loro diritti ha diritto di accedere ai report periodici sul benessere dei macachi oggetto di studio in laboratorio che l’Università trasmette al Ministero della Salute al fine di consentire il doveroso controllo sulle loro condizioni di vita [vedi Scheda Soggetti portatori di interessi collettivi, diffusi e generali].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Sicilia Palermo - Sentenza n. 706 del 02/03/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Esclusioni)

Il T.A.R. precisa che l'esclusione dell'accesso prevista dall'art. 53, comma 5, lett. c) del Codice dei contratti non si applica alla "relazione particolareggiata" del Direttore dei Lavori ed alla “relazione-proposta” del R.U.P. redatte nell'ambito del procedimento per la risoluzione del contratto d'appalto [vedi Scheda Esclusioni (accesso agli atti delle procedure contrattuali)].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato - Sentenza n. 1450 del 01/03/2022

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Legittimazione del denunciato)

Afferma la IV Sezione del Consiglio di Stato: << Al di fuori di particolari ipotesi, in cui il soggetto denunciante potrebbe essere esposto, in ragione dei rapporti con il soggetto denunciato, ad azioni discriminatorie o indebite pressioni, la tutela della riservatezza non può assumere un’estensione tale da includere il diritto all'anonimato dei soggetti che abbiano assunto iniziative comunque incidenti nella sfera giuridica di terzi. Il principio di trasparenza che informa l'ordinamento giuridico ed i rapporti tra consociati e pubblica amministrazione si frappone, infatti, ad una soluzione che impedisca all'interessato di conoscere i contenuti degli esposti e i loro autori, anche nel caso in cui i conseguenti accertamenti abbiano dato esito negativo. >> (nel caso di specie una società che era stata esposta ad infruttuosa attività ispettiva da parte dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente chiedeva di accedere a copia integrale degli esposti presentati a detta Agenzia al fine della tutela della propria immagine) [sulla controversa questione della ostensibilità della segnalazione da parte del segnalato e per i differenti indirizzi giurisprudenziali in campo vedi Scheda Legittimazione del denunciante e del denunciato nei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 2285 del 28/02/2022

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (LIMITAZIONI ASSOLUTE)

Non può essere accolta l'istanza di accesso civico generalizzato alle note scambiate tra il Ministero dell'Economia e delle Finanze e l'Avvocatura dello Stato in merito alla decisione dello Stato di non riassumere un’azione giudiziale, trattandosi di documenti per i quali vige una "esclusione assoluta" dell'accesso ai sensi del combinato disposto dell'art. 5-bis, comma 3, D.Lgs. 33/2013 e dell'art. 2 D.P.C.M. 200/1996, che tutela il "segreto professionale" dell'Avvocatura di Stato.
Secondo il T.A.R., altra causa di "esclusione assoluta" vigerebbe per gli atti istruttori ed i provvedimenti assunti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con cui è stata decisa la mancata riassunzione dell'azione giudiziaria, stante il combinato disposto di cui agli artt. 5-bis, comma 3, D.Lgs. 33/2013 e art. 3 D.M. 561/1995 (che prevede l’esclusione dell’accesso per “atti relativi a studi, indagini, analisi, relazioni, proposte, programmi, elaborazioni e comunicazioni sui flussi finanziari di entrata e di spesa, sulle previsioni del fabbisogno dello Stato, sulla evoluzione, la consistenza, la gestione, il risanamento del debito pubblico e provvedimenti per il contenimento ed il risanamento della spesa e del deficit pubblico, sulla struttura e sull'andamento dei mercati finanziari e valutari nonché sulla politica fiscale e di spesa pubblica”) (nel caso di specie trattavasi degli atti con cui il Ministero aveva deciso di non riassumere l'azione risarcitoria davanti al Giudice Ordinario nei confronti di una Banca per i danni erariali subiti in relazione all’attività di negoziazione, rinegoziazione e chiusura di strumenti derivati) [vedi Scheda Limitazioni assolute (art. 5-bis c. 3 D.Lgs. 33/2013)].


 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato - Sentenza n. 1342 del 25/02/2022

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90 - PROCEDIMENTO (L. 241/90) (Fase di iniziativa - Istanza massiva)

La legittimazione all'accesso documentale ex L. 241/90 sussiste a prescindere da ogni valutazione in merito alla avvenuta prescrizione dei diritti per la cui tutela l'accesso è esercitato [vedi Scheda Soggetti attivi (L. 241/90)]. Va accolta l’istanza di accesso documentale ex L. 241/90 ad una serie di n. 48 atti, anche risalenti nel tempo, necessari per valutare l’esperibilità di un’azione giudiziaria, se essa contiene la puntuale elencazione dei documenti richiesti che facilita il loro rinvenimento [vedi Scheda Procedimento (L. 241/90) - Fase di iniziativa].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato - Sentenza n. 1121 del 15/02/2022

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Legittimazione del denunciante)

Il Consiglio di Stato conferma che l’avvocato che ha presentato un esposto al competente Consiglio Distrettuale di Disciplina (CDD) ha diritto di accedere agli atti del relativo procedimento disciplinare (relazione istruttoria, memorie difensive, provvedimento finale, ecc.) se l’interesse ostensivo è volto alla acquisizione degli elementi informativi necessari per valutare la proposizione di eventuali azioni giudiziarie e ciò anche detto procedimento si è concluso con un’archiviazione (conferma TAR Genova 2021/529) [vedi Scheda su Legittimazione del denunciante e del denunciato nei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lombardia Brescia - Sentenza n. 136 del 14/02/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DEI PROCEDIMENTI EDILIZI (Accesso civico generalizzato)

Gli atti dei procedimenti edilizi sono ostensibili mediante accesso civico generalizzato atteso che per tali atti vige il principio della massima trasparenza e non è configurabile un "pregiudizio concreto" agli interessi privati previsti dall'art. 5-bis, comma 2, D.Lgs. 33/2013 [vedi Scheda Accesso agli atti dei procedimenti edilizi]. Non è possibile respingere un'istanza di accesso civico generalizzata soltanto per il fatto che il richiedente ha anche un interesse personale di natura privata alla ostensione [vedi Scheda SOGGETTI ATTIVI (accesso civico)].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato - Sentenza n. 990 del 10/02/2022

QUALIFICAZIONE DELL'ISTANZA DI ACCESSO (Istanze a contenuto plurimo)

E' ammissibile l’istanza a contenuto plurimo di accesso civico semplice ex art. 5, comma 1, D.Lgs. 33/2013 e di accesso civico generalizzato ex art. 5, comma 2, D.Lgs. 33/2013 ed è da accogliere se, a prescindere dalla controversa sussistenza di un obbligo di pubblicazione dei documenti richiesti, non sussistono motivi di esclusione dell’accesso civico generalizzato ex art. 5-bis D.Lgs. 33/2013 (nel caso di specie trattavasi di un’istanza di accesso presentato da un avvocato agli atti riguardanti i compensi e rimborsi spese percepiti a qualsiasi titolo dai componenti del CNF) [vedi Scheda Qualificazione dell'istanza di accesso].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Veneto Venezia - Sentenza n. 240 del 08/02/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI

Per il T.A.R. l'art. 53 D.Lgs. 50/2016 trova applicazione anche per l’accesso agli atti di quelle procedure competitive ad evidenza pubblica per le quali si pongono le medesime esigenze di bilanciamento di interessi che si pongono per le procedure di appalto (nel caso di specie trattavasi di una procedura competitiva di evidenza pubblica con cui un Comune aveva deciso di contingentare il numero di operatori ammessi a svolgere il servizio di noleggio dei monopattini sul territorio cittadino, trattandosi di una procedura che prevedeva la pubblicazione di un bando, la presentazione di una proposta, la nomina di una commissione giudicatrice e l’attribuzione di punteggi sulla base di criteri predeterminati) [vedi Scheda Riferimenti normativi e cenni generali (Accesso agli atti delle procedure contrattuali)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Emilia Romagna Bologna - Sentenza n. 136 del 08/02/2022

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Legittimazione del denunciato)

Sul solco di Cons. Stato n. 1717/2021, il T.A.R. nega il diritto del segnalato di accedere ai "dati personali" (nominativo) del segnalante (nella specie trattavasi di un artista di strada oggetto di continue segnalazioni da parte di ignoti a causa del rumore prodotto dal sassofono durante le sue esibizioni, alle quali erano seguiti ripetuti controlli da parte della Polizia Municipale) [[per l'ampia analisi della questione e dei diversi orientamenti giurisprudenziali sul punto, vedi Scheda su Legittimazione del denunciante e del denunciato nei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 1368 del 07/02/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DEI PROCEDIMENTI EDILIZI

Per il T.A.R. una società affittuaria di un terreno contiguo al terreno su cui insiste un fabbricato non è legittimata ad accedere ai titoli edilizi relativi a detto immobile se non allega << precisi e circostanziati elementi di fatto sintomatici, in base ad una valutazione ex ante, di un concreto ed attuale vulnus della sfera giuridica dell’istante che lo legittimi, per appunto, alla conoscenza dei documenti cui chiede di accedere. >> [sulla questione vedi Scheda Accesso agli atti dei procedimenti edilizi]. Peraltro ed in ogni caso, l'istanza, essendo volta ad accedere a “tutta la documentazione edilizia, urbanistica e paesaggistica relativa a manufatti, ivi comprese eventuali ordinanze di demolizione e provvedimenti sanzionatori adottati, eventuali domande di condono .. eventuali istanze id accertamento di conformità .. eventuali provvedimenti di sanatoria rilasciati dal Comune", è anche "generica", perchè non consente al Comune di individuare con certezza gli atti richiesti a prescindere dal compimento di defaticanti attività di ricerca ed elaborazione [vedi Scheda  Procedimento (L. 241/90) - Fase di iniziativa].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lombardia Milano - Sentenza n. 276 del 07/02/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AI DATI SANITARI (Covid-19)

L’esercente la professione sanitaria assoggettato all’obbligo vaccinale contro il Covid-19 ai sensi dell’art. 4 D.L. 44/2021 ha diritto ex L. 241/90 di ottenere dall’Azienda sanitaria i documenti contenenti informazioni utili per determinarsi a prestare il consenso informato al trattamento sanitario ex L. 219/2017, con particolare riferimento alle indicazioni fornite dalla Regione per la somministrazione del vaccino previste dall’art. 4, comma 4, D.L. 44/2021, alle linee guida e ad ogni altra documentazione riguardante le esenzioni dall’obbligo vaccinale, al modulo del consenso informato ed ai foglietti illustrativi dei vaccini; ciò anche se alcuni di detti documenti possono essere reperiti scaricandoli dai siti istituzionali di AIFA e ISS o dai medici vaccinatori e dai medici generali, atteso che, in ossequio al principio di buona fede procedimentale, l'Azienda è comunque tenuta a consentirne l’ostensione anche mediante l’indicazione dei riferimenti ipertestuali dei siti istituzionali sui quali i documenti sono stati pubblicati [vedi Scheda Accesso ai dati sanitari].
Con la medesima sentenza il T.A.R. ha, invece, rigettato l'istanza di accesso ex L. 241/90 relativamente: a) alla documentazione riguardante l’attività di farmacovigilanza svolta sull’utilizzo di detto vaccino (autorizzazione all’immissione in commercio, attività documenti che illustrano rischi e benefici, effetti avversi, attività di farmacovigilanza svolta, possibili alternative mediche, ecc.), trattandosi di documentazione formata e detenuta da altri soggetti pubblici (AIFA e ISS) e che l’Azienda sanitaria, avendo compiti meramente esecutivi nell’attuazione della campagna vaccinale, non è tenuta ad acquisire, neppure sulla base del principio di buona fede procedimentale [vedi Scheda Soggetto a cui va rivolta l'istanza di accesso]; b) ai protocolli per la gestione del rischio sanitario e della sicurezza dei locali nei quali si effettua la somministrazione dei vaccini, atteso che la predisposizione di tale documentazione non è prevista dal D.L. 44/2021 [vedi Scheda Oggetto (L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 1270 del 03/02/2022

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/99)

E' illegittimo per contrasto con l’art. 24, comma 7, L. 241/90 e va quindi disapplicato l’art. 4, comma 2, Regolamento Consob n. 9641/2005 nella parte in cui, al fine di garantire un presunto diritto alla riservatezza dei componenti dell’Autorità, prevede l’esclusione dall’accesso dei verbali delle riunioni “per le parti in cui consentano l’identificazione dei Componenti in relazione alle opinioni dai medesimi espresse in sede di discussione e deliberazione sugli argomenti all’ordine del giorno”, anche considerato che una tale omissione comporterebbe l’impossibilità di verificare il corretto svolgimento delle sedute, nonché l’operato di un soggetto titolare di un munus pubblico [vedi Scheda Dati personali semplici].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Sicilia Palermo - Sentenza n. 411 del 03/02/2022

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Diritto alla riservatezza (Dati personalissimi)

E' legittimo il diniego di un’istanza di accesso volta ad acquisire la copia di cartelle cliniche per la propria difesa in un procedimento penale in cui l’udienza risulta già tenuta al momento della decisione, venendo a mancare il requisito della “stretta indispensabilità” [vedi Scheda Dati sensibilissimi o ultrasensibili].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato - Sentenza n. 769 del 03/02/2022

DISCIPLINE SPECIALI - DIRITTO DI INFORMAZIONE DEI CONSIGLIERI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI

Il Consiglio di Stato conferma che l'art. 43 TUEL non riconosce al Consigliere comunale il diritto di ottenere l'accesso da remoto al sistema informatico dell'Ente con modalità tali da consentirgli di avere immediato ingresso, a discrezione e senza una ragione particolare, a qualsivoglia documento amministrativo (conferma TAR Trieste 2020/253) [sulla questione vedi Scheda Oggetto del diritto di informazione del Consigliere].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Veneto Venezia - Sentenza n. 216 del 03/02/2022

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Diritto alla riservatezza (Persone decedute)

Colui che è stato nominato erede con testamento ha diritto di accedere alla documentazione sanitaria detenuta dalla casa di Cura in cui il de cuius era ospite, avendo un titolo potenzialmente idoneo a dimostrare la possibilità di prendere parte alla successione, anche se contestato ed a prescindere dal giudizio sulla fondatezza dell’eventuale azione giudiziaria [vedi Scheda Diritto alla riservatezza delle persone fisiche (L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato - Sentenza n. 739 del 02/02/2022

OGGETTO (L. 241/90 - Atti di procedure concorsuali a tutela della par condicio creditorum (Procedura di amministrazione straordinaria)

Il Consiglio di Stato conferma che il creditore di una società sottoposta ad amministrazione straordinaria ha diritto di accedere ex art. 24, comma 7, L. 241/90 allo “stato passivo” della procedura in considerazione del suo interesse ad avere contezza della liquidità disponibile, che rileva sulla possibilità concreta di soddisfare il proprio credito; l'istanza di accesso va rivolta al Ministero dello Sviluppo Economico che è l’organo che detiene giuridicamente la relativa documentazione ai sensi dell’art. 22, comma 6, L. 241/90 (conferma TAR Roma 2021/7343) [vedi Scheda Atti di procedure concorsuali a tutela della par condicio creditorum].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 718 del 02/02/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DEI PROCEDIMENTI EDILIZI

Il proprietario di un immobile confinante con quello oggetto di un intervento edilizio è legittimato ad accedere agli atti delle relative pratiche edilizie (titoli abilitativi, istanze, d.i.a., s.c.i.a., ecc.) sia ai sensi della Legge 241/90, sia a titolo di accesso civico generalizzato ex D.Lgs. 97/2016, non esseno configurabili, di regola (e salvo casi eccezionali), soggetti "controinteressati" [vedi Scheda Accesso agli atti dei procedimenti edilizi].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 715 del 02/02/2022

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Segreti ex art. 24 c. 6 lett. c) L. 241/90 - ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (Limitazioni)

Non può essere negato, per motivi di ordine pubblico e di prevenzione e repressione della criminalità ai sensi dell’art. 3 D.M. 415/1994, l’accesso ex L. 241/90 ai verbali elevati da agenti di polizia per violazione del divieto di assembramento ai sensi della normativa di contrasto del Covid-19, trattandosi di attività di polizia in materia di sanità pubblica [vedi Scheda Art. 24 comma 6 lett. c) L. 241/90].
Per le stesse ragioni non può essere negato, per motivi di ordine pubblico e di prevenzione e repressione della criminalità ex art. 5-bis comma 1 D.Lgs. 33/2013, l’accesso civico generalizzato alle direttive/istruzioni impartite dal Commissariato di Polizia per l’attività di accertamento delle violazioni del divieto di assembramento ai sensi della normativa di contrasto del Covid-19 [vedi Scheda Limitazioni relative a tutela di interessi pubblici (art. 5-bis comma 1 D.Lgs. 33/2013)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 697 del 01/02/2022

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Diritto alla riservatezza (Procedure concorsuali e selettive)

Chi partecipa ad una procedura di mobilità ha diritto di accedere ex L. 241/90 agli atti della procedura al fine di ricostruire l'iter istruttorio ed il processo decisionale, senza che a motivo di esclusione possa essere assunto il diritto di riservatezza degli altri concorrenti [vedi Scheda Diritto alla riservatezza nelle procedure concorsuali e selettive].

Leggi Tutto

T.A.R. Sicilia Catania - Sentenza n. 332 del 01/02/2022

QUALIFICAZIONE DELL'ISTANZA DI ACCESSO - ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (Limitazioni)

Se il richiedente l’accesso non cita e non fa specifico riferimento alla normativa in base alla quale sono richiesti i documenti, l’istanza va esaminata sia sub specie di accesso documentale ex Legge 241/90, sia sub specie di accesso civico generalizzato ex D.Lgs. 97/2016 [vedi Scheda Qualificazione dell'istanza di accesso].
Il titolare di una concessione demaniale di terreno attiguo ad un immobile oggetto di decreto di sdemanializzazione da parte della Regione ha diritto ex D.Lgs. 97/2016 di accedere agli atti del relativo procedimento [vedi Scheda Casistica di limitazioni ex art. 5-bis comma 2 lett. a) D.Lgs. 33/2013].
 

Leggi Tutto

Pagina 3 di 66