Archivio Giurisprudenza

Pagina 1 di 51

T.A.R. Lombardia Milano - Sentenza n. 176 del 19/01/2021

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Accesso endoprocedimentale - Procediment disciplinari)

Ai sensi dell'art. 2, comma 1, lett. a) D.M. 10 gennaio 1996, n. 60 (regolamento del Ministero Pubblica Istruzione), l'insegnante che intende contestare (in giudizio o anche soltanto in via amministrativa) un procedimento disciplinare, ha diritto di accedere al "rapporto informativo" redatto dal dirigente scolastico citato nel provvedimento conclusivo [vedi Scheda su Accesso endoprocedimentale (o partecipativo) ex art. 10 L. 241/90].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato Sez. VI - Sentenza n. 587 del 19/01/2021

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Accesso endoprocedimentale - Procedure selettive). PROCEDIMENTO (L. 241/90) (c.d. richieste massive)

La sentenza ribadisce i principi affermati con la precedente pronuncia n. 451 del 14 gennaio 2021.

Leggi Tutto

Consiglio di Stato Sez. VI - Sentenza n. 451 del 14/01/2021

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Accesso endoprocedimentale - Procedure selettive). PROCEDIMENTO (L. 241/90) (c.d. richieste massive)

Colui che ha partecipato ad un concorso pubblico per dirigenti non superando la prova scritta ha diritto di accedere agli elaborati degli altri concorrenti, ai verbali di correzione ed alle schede di valutazione, vantando un interesse diretto, concreto ed attuale alla loro ostensione [vedi Scheda su Accesso endoprocedimentale (o partecipativo) ex art. 10 L. 241/90]. Tale diritto di accesso riguarda tutti i concorrenti che sono stati ammessi alla prova orale, ancorchè si tratti di un numero cospicuo di documenti e senza che la P.A. possa limitare discrezionalmente il numero degli stessi, anche in considerazione del loro interesse alla verifica della valutazione comparativa della totalità degli stessi; peraltro, nell’apprezzare il limite quantitativo delle c.d. istanze massive, assume rilievo anche il processo di digitalizzazione della P.A., che consente spesso di superare le difficoltà organizzative legate al formato analogico dei documenti [vedi Scheda su Procedimento (L. 241/90) - Fase di iniziativa].
 

Leggi Tutto

Consiglio Giustizia Amministrativa Sicilia - Sentenza n. 13 del 07/01/2021

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90)

Legittimamente la Questura nega, ai sensi dell’art. 24, comma 6, lett. c) L. 241/90 e dell’art. 3 D.M. 415/1994, al destinatario di un provvedimento di ammonimento ex art. 8 L. 11/2009 (misura di sicurezza contro la violenza sessuale) l’accesso agli atti istruttori del relativo procedimento compiuti nell’ambito dell’attività di polizia giudiziaria; con la precisazione che la sottrazione all’accesso è giustificata per il tempo strettamente necessario al completamento delle indagini giudiziarie, dopo il quale detti documenti diventano accessibili (sostanzialmente un "differimento") [vedi Scheda su Art. 24 comma 6 lett. c) L. 241/90].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 18 del 04/01/2021

PROCEDIMENTO (L. 241/90) (Fase di iniziativa)

Il creditore di un Comune che agisce in esecuzione pignorando le somme depositate presso il Tesoriere ed a cui è opposta l'impignorabilità delle stesse per vincolo di indisponibilità ex art. 159 TUEL, ha diritto di accedere alla copia di tutti i mandati di pagamento disposti nell'ultimo anno, onde poter dimostrare in giudizio l'estinzione del vincolo di indisponibilità [per l'analisi della questione e pei i diversi indirizzi in merito, vedi Scheda su Procedimento (L. 241/90) - Fase di iniziativa e risposta a Quesito n. 19/2019].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. V - Sentenza n. 60 del 04/01/2021

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (LIMITAZIONI)

Non pregiudica gli "interessi economici e commerciali" di Trenitalia s.p.a. (concessionario del servizio di trasporto ferroviario regionale e locale) l’accesso ai report sul numero di biglietti venduti ed agli introiti conseguiti in un determinato anno, distinti per tariffa, che la stessa si è contrattualmente impegnata a trasmettere all’Ente concedente (Regione Liguria) (conferma TAR Genova 2019/957) [vedi Scheda su Limitazioni relative a tutela di interessi privati (art. 5-bis comma 2 D.Lgs. 33/2013)].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. V - Sentenza n. 101 del 04/01/2021

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Titolarità attiva)

La V Sezione del Consiglio di Stato (Pres. Franconiero; Est. Grasso), precisando il principio di diritto enunciato dall'Adunanza Plenaria con sentenza n. 10 del 2 aprile 2020, afferma che il secondo classificato in una gara ha un interesse concreto ed attuale ad accedere agli atti di esecuzione del contratto (es. documentazione che l'aggiudicatario avrebbe dovuto fornire alla stazione appaltante in adempimento di un obbligo contrattuale) alla condizione che l'istanza << .. non si fondi sulla mera allegazione (in termini eventuali, puramente ipotetici o dubitativi, che renderebbero, come tali, inammissibilmente astratto e meramente potenziale l’interesse acquisitivo e, correlativamente, esplorativa, quando non addirittura emulativa, l’istanza) della semplice eventualità di una futura riedizione della gara, ma si accompagni alla specifica, concreta e circostanziata valorizzazione di elementi fattuali o giuridici inerenti le modalità di regolare attuazione del rapporto negoziale e idonei a prefigurare, sia pure in termini di possibilità e non necessariamente di certezza o anche solo di probabilità, le condizioni di una vicenda risolutiva, per sé idonea a riattivare le chances di subentro o anche solo di rinnovazione della procedura evidenziale. >> [per l'ampia analisi della questione, vedi Scheda su Accesso agli atti delle procedure contrattuali].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Liguria Genova - Sentenza n. 1 del 02/01/2021

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90)

Una società a responsabilità limitata che è socia per un 1/3 del capitale sociale di una società per azioni è legittimata ad accedere agli atti amministrativi che abbiano una ripercussione patrimoniale sulla società partecipata, atteso che essi influiscono anche sulla consistenza patrimoniale della società partecipante, diminuendo il valore della sua partecipazione [vedi Scheda su Soggetti attivi (L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. III - Sentenza n. 8543 del 31/12/2020

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Clausola di riservatezza)

Il Consiglio di Stato ritorna sulle "clausole di riservatezza" apposte negli accordi negoziali conclusi da AIFA con i produttori di farmaci, ritenendole valide e legittimanti l'esclusione dell'accesso da parte delle imprese concorrenti, anche con riferimento agli atti amministrativi propedeutici alla stipula; fatto salvo l'accesso difensivo ex art. 24, comma 7, L. 241/90, da valutarsi con rigore (nel caso di specie il Collegio ha ritenuto non dimostrata la "necessità di difesa" rivendicata dall'impresa concorrente richiedente l'accesso) [per l'ampia analisi della questione, vedi Limitazioni di fonte negoziale (c.d. "clausole di riservatezza")].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Umbria Perugia - Sentenza n. 617 del 22/12/2020

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI

Secondo il T.A.R., non può essere accolta, in quanto eccessivamente generica ex art. 5, comma 1, lett. c), D.Lgs. 195/2005 (“L’accesso all’informazione ambientale è negato nel caso in cui: … “c) la richiesta è espressa in termini eccessivamente generici”) l’istanza con cui si chiede ad un Comune l’elenco delle imprese che svolgono nel territorio comunale attività classificate come “industrie insalubri” ex art. 216 R.D. 1265/1934 (T.U. leggi sanitarie), nonché di tutti i provvedimenti, se esistenti, di controllo, valutazione e verifica adottati nei loro confronti [per la questione vedi Scheda su Accesso alle informazioni ambientali su richiesta].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. V - Sentenza n. 7963 del 14/12/2020

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Titolarità attiva)

Facendo applicazione dei principi di diritto affermati dall'Adunanza Plenaria con la sentenza n. 10/2020, la V sezione del Consiglio di Stato riconosce all’impresa seconda classificata, che indica in modo preciso le irregolarità cui era affetta l’offerta dell’aggiudicataria, la legittimazione ad accedere a tutti gli atti adottati e le comunicazioni effettuate dalla stazione appaltante dopo l’aggiudicazione e prima della stipula del contratto, onde verificare l’effettiva consistenza di dette irregolarità ed in che modo sia stato consentito all’aggiudicataria di sanarle; e ciò anche se il ricorso avverso l’aggiudicazione sia stato respinto in primo grado e penda l’appello [per l'ampia analisi della questione, vedi Scheda su Accesso agli atti delle procedure contrattuali].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 13332 del 11/12/2020

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Legittimazione del denunciante)

L'autore di un esposto che ha dato luogo ad un procedimento disciplinare a carico di un pubblico dipendente ha titolo ad accedere agli atti di quel procedimento (anche se conclusosi con l'archiviazione) se, “da altri concomitanti elementi”, emerge la necessità di curare e difendere i propri interessi giuridici ai sensi dell'art. 24, comma 7, L. 241/90 (c.d. accesso difensivo) (fattispecie riguardante un Magistrato che aveva presentato un esposto nei confronti di un altro Magistrato e che aveva chiesto alla Procura generale presso la Corte di Cassazione di accedere agli atti del fascicolo disciplinare al fine di difendere la propria onorabilità in giudizio) [per l'ampia analisi della questione vedi Scheda su Legittimazione del denunciante e del denunciato nei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 13358 del 11/12/2020

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/90) (Disparità di trattamento)

Ritiene il T.A.R. che colui che si è visto respingere un’istanza di iscrizione ad un albo professionale (nel caso di specie, albo dei promotori finanziari tenuto dall'Organismo di Vigilanza e Tenuta dell'Albo Unico dei Consulenti Finanziari) non ha diritto di accedere ex art. 24, comma 7, L. 241/90, al fascicolo personale di iscrizione di un altro soggetto posto in posizione analoga, visto che il vizio di disparità di trattamento non è configurabile in presenza di provvedimenti amministrativi vincolati [per la controversa questione dell'accesso difensivo al fine di far valere vizi di disparità di trattamento, vedi Scheda su Accesso difensivo (art. 24 comma 7 L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 13286 del 10/12/2020

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Diritto alla riservatezza (dati giudiziari)

Non può essere accolta l’istanza presentata da un’associazione a tutela delle vittime da reati volta all'accesso documentale ex L. 241/90 agli atti dei procedimenti di scarcerazione straordinaria previsti dalla normativa emergenziale da Covid-19 (art. 123 D.L. 18/2020) in assenza della dimostrazione di un concreto pericolo derivante ai suoi associati da tali provvedimenti, trattandosi di documenti contenenti “dati giudiziari” la cui divulgazione è vietata in assenza dei presupposti di legge, ai sensi dell’art. 2-octies D.Lgs. 196/2003 e dell’art. 3, comma 1, lett. i) D.M. 115/1996 (che esclude l’accesso ai “documenti relativi alla sicurezza ed alla protezione del personale dell’amministrazione nonché dei detenuti e internati”) [vedi Scheda Diritto alla riservatezza delle persone fisiche (L. 241/90)].

 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 13188 del 09/12/2020

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DEI PROCEDIMENTI EDILIZI

Secondo la sezione 2-quater del Lazio, ai fini della legittimazione all'accesso agli atti dei procedimenti edilizi non è sufficiente dimostrare di essere proprietario di un immobile limitrofo all'edificio a cui si riferisce la documentazione richiesta (vicinitas), ma è necessario chiarire in che modo detta posizione possa essere vulnerata o anche soltanto esposta a pericolo (fattispecie in cui la distanza tra la proprietà del richiedente l'accesso e lo stabilimento produttivo a cui si riferiva la documentazione richiesta era di metri 500) [per l'analisi della questione ed il diverso e prevalente orientamento della giurisprudenza, vedi Scheda su Accesso agli atti dei procedimenti edilizi].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 13081 del 07/12/2020

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (LIMITAZIONI)

Un’associazione a tutela degli interessi dei consumatori ha diritto di accedere agli atti di un procedimento all’esito del quale l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato ha sanzionato una società per pratiche commerciali scorrette nella stipula di contratti di finanziamento personale, purchè siano oscurati i dati personali contenuti nella relativa documentazione (atti di reclamo e contratti), non configurandosi alcun pregiudizio concreto di interessi economici e commerciali ex art. 5-bis, comma 2, D.Lgs. 33/2013 [vedi Scheda su Accesso civico generalizzato - Casistica di limitazioni ex art. 5-bis comma 2 D.Lgs. 33/2013].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lombardia Brescia - Sentenza n. 854 del 07/12/2020

DISCIPLINE SPECIALI - DIRITTO DI INFORMAZIONE DEI CONSIGLIERI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI

Ai sensi dell'art. 43 TUEL, il Sindaco di un Comune facente parte di un'Unione, membro di diritto dell'Assemblea dello stesso, ha diritto di accedere agli atti dell'Unione [vedi Scheda su Diritto di informazione dei Consiglieri comunali, provinciali e regionali].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Sardegna Cagliari - Sentenza n. 666 del 30/11/2020

PROCEDIMENTO (L. 241/90) (Fase di iniziativa)

Il T.A.R. si pronuncia in merito alla portata applicativa dell'art. 6, comma 2, D.P.R. 184/2006, che così dispone: "La richiesta formale presentata ad amministrazione diversa da quella nei cui confronti va esercitato il diritto di accesso è dalla stessa immediatamente trasmessa a quella competente. Di tale trasmissione è data comunicazione all'interessato.“ (nel caso di specie si trattava di un'istanza di accesso a certificati medici di malattia rilasciati dal medico di base e richiesti ad un'Azienda per la Tutela della Salute, che non li deteneva) [sull'argomento vedi Scheda su Procedimento (L. 241/90) - Fase di iniziativa].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato Sez. VI - Sentenza n. 7390 del 24/11/2020

DISCIPLINA DEL "WHISTLEBLOWING" (Tutela del dipendente che segnala illeciti)

La segnalazione di un illecito indirizzata da un dipendente o da un insegnante di un’istituzione scolastica al Direttore della stessa è tutelata ai sensi dell’art. 54-bis D.Lgs. 165/2001 in quanto detto soggetto ricopre anche il ruolo di Responsabile della prevenzione della corruzione [vedi Scheda su Disciplina del whistleblowing].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Calabria Reggio Calabria - Sentenza n. 673 del 23/11/2020

OGGETTO (L. 241/90) - Atti di diritto privato della P.A.

Il dipendente pubblico ha diritto di accedere alla relazione predisposta e trasmessa dal suo dirigente al Nucleo di Valutazione ai fini della valutazione complessiva del Settore cui appartiene, in quanto strettamente connessa con la valutazione personale effettuata ai fini della corresponsione della produttività [vedi Scheda su Atti di diritto privato della P.A.].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Molise Campobasso - Sentenza n. 318 del 21/11/2020

PROCEDIMENTI TRIBUTARI - SOGGETTI ATTIVI (Lite pendente sulla situazione giuridica sottesa al diritto di accesso)

Costituisce “documento amministrativo” soggetto alla disciplina dell’accesso ex Legge 241/90 la “comunicazione” dei dati personali del legale dell’amministratore di un condominio (e successive variazioni) ai fini dell’attribuzione del codice fiscale ex art. 7 D.P.R. 605/1973 [vedi Scheda su Procedimenti tributari]. Come confermato dall'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato con sentenza n. 19/2020, l'accesso difensivo ex art. 24, comma 7, L. 241/90 e gli strumenti di acquisizione probatoria previsti dal Codice di Procedura Civile sono complementari [sulla questione vedi amplius Scheda su  Lite pendente sulla situazione giuridica sottesa all'interesse all'accesso].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Abruzzo L'Aquila - Sentenza n. 421 del 17/11/2020

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Titolarità attiva)

Facendo applicazione dei principi affermati dall'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato con la sentenza n. 10/2020, il T.A.R. ritiene che l’impresa seconda classificata sia legittimata ad accedere agli atti di esecuzione del contratto d’appalto stipulato con l’aggiudicataria (in particolare, si trattava dell’elenco del personale impiegato dall’appaltatore nello svolgimento del servizio e degli eventuali atti di contestazione da parte della stazione appaltante), al fine di verificare eventuali inadempimenti della stessa, qualora alleghi la sussistenza di seri “indizi” circa la non corretta esecuzione del contratto, tramite, ad esempio, la produzione in giudizio di articoli di stampa sulla vicenda; e ciò anche se il contratto sia nel frattempo scaduto, potendo il suo interesse riguardare un’eventuale risarcimento del danno [sulla questione vedi Scheda su Accesso agli atti delle procedure contrattuali].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Trentino Alto Adige Trento - Sentenza n. 187 del 16/11/2020

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/90)

Il T.A.R., allineandosi alla prevalente giurisprudenza, ribadisce che, ai fini dell'accesso difensivo ex art. 24, comma 7, L. 241/90, la necessità di acquisire i documenti richiesti per finalità difensiva va valutata ex ante ed in astratto, indipendentemente da ogni valutazione sulla fondatezza nel merito delle ragioni e degli interessi da curare (fattispecie riguardante un soggetto, sottoposto a procedimento penale ed a procedimento di responsabilità amministrativo-contabile per sovrafatturazione delle forniture di servizi, che chiedeva alla Provincia di accedere alla documentazione comprovante i prezzi di mercato di forniture analoghe, onde effettuare una valutazione comparativa a dimostrazione della congruità dei prezzi fatturati) [per i diversi criteri di valutazione della "necessità di difesa", vedi Scheda su Accesso difensivo (art. 24 comma 7 L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Salerno - Sentenza n. 1679 del 16/11/2020

PROCEDIMENTO (L. 241/90) (Fase di iniziativa)

Il creditore di un Comune che agisce in esecuzione pignorando le somme depositate presso il Tesoriere ed a cui è opposta l'impignorabilità delle stesse per vincolo di indisponibilità ex art. 159 TUEL, ha diritto di accedere alla copia di tutte le determine di liquidazione ed a tutti i mandati di pagamento disposti nel semestre di riferimento, onde poter provare l'estinzione del vincolo di indisponibilità; in tal caso, infatti, l'istanza di accesso non può dirsi "generica", perchè i documenti richiesti possono essere agevolmente individuati dal Comune mediante uno sforzo ragionevole [per l'analisi della questione e pei i diversi indirizzi in merito, vedi Scheda su Procedimento (L. 241/90) - Fase di iniziativa e risposta a Quesito n. 19/2019].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 5255 del 16/11/2020

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DEI PROCEDIMENTI EDILIZI

Secondo la VI Sezione del T.A.R. Campania, ai fini della legittimazione all'accesso agli atti dei procedimenti edilizi non è sempre sufficiente il dato materiale della vicinitas, dovendosi talvolta comprovare (come quando si propone un ricorso per l'annullamento del titolo edilizio) il reale pregiudizio che venga a derivare al richiedente dala realizzazione dell'intervento assentito (fattispecie in cui la distanza tra l'area del richiedente l'accesso e l'area dell'intervento edilizio era di metri 500) [per l'analisi della questione e per il diverso e prevalente orientamento della giurisprudenza, vedi Scheda su Accesso agli atti dei procedimenti edilizi].
 

Leggi Tutto

Pagina 1 di 51