Archivio Giurisprudenza

Pagina 1 di 37

T.A.R. Emilia Romagna Parma - Sentenza n. 175 del 21/06/2019

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (Procedimento - Fase di iniziativa)

E' ammissibile e fondata l’istanza di accesso civico generalizzato a “tutti gli atti, documenti e dati inerenti un accordo stipulato dall’Amministrazione con un privato” in un determinato anno, anche se il richiedente non ha effettiva contezza della esistenza di detti documenti [sulla questione delle c.d. "istanze esplorative" di accesso civico generalizzato, vedi Scheda su Procedimento (accesso civico) - Fase di iniziativa].

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 7845 del 18/06/2019

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) - Legittimazione del denunciante e del denunciato

Colui che ha presentato un esposto per un presunto abuso edilizio commesso dal vicino ha titolo ad accedere agli atti relativi all'esito dell'esposto, a prescindere dalla opposizione del controinteressato [sulla questione della legittimazione all'accesso del denunciante, vedi Scheda su Legittimazione del denunciante e del denunciato anei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. III - Sentenza n. 4067 del 17/06/2019

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/90)

La 3^ sezione del Consiglio di Stato aderisce all'orientamento secondo il quale l’”accesso difensivo“ ex art. 24, comma 7, L. 241/90 opera anche per i casi di esclusione previsti dall’art. 24, comma 6, L. 241/90 e relativi Regolamenti attuativi nella misura in cui il ragionevole contemperamento del diritto di difesa con le esigenze di segretezza venga trovato con la tecnica dell’oscuramento parziale mediante omissis (fattispecie di istanza di accesso agli atti istruttori del provvedimento di rigetto della cittadinanza) [vedi Scheda su Accesso difensivo (art. 24 comma 7 L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. V - Sentenza n. 3936 del 12/06/2019

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/90)

La 5^ sezione del Consiglio di Stato, dopo avere precisato che l'accesso agli atti delle procedure di affidamento della concessione di un servizio non è disciplinato dalla normativa speciale sull'accesso agli atti delle procedure contrattuali (oggi art. 53 D.Lgs. 50/2016), ma dalla disciplna generale di cui all'art. 24 Legge 241/90, aderisce all'indirizzo giurisprudenziale secondo il quale, ai fini dell'accesso difensivo ex art. 24, comma 7, L. 241/90 (invocato al fine di superare motivi di riservatezza commerciale della "controinteressata"), la “necessità“ di difesa va accertata "nel modo possibilmente più circoscritto ed attento" e senza "schematizzazioni formali ed astratte" (nel caso di specie la Sezione, riformando T.A.R. Milano 2019/300, ha disconosciuto l'accesso difensivo anche in considerazione del fatto che il richiedente aveva già proposto un ricorso di 150 pagine,corredato di migliaia di documenti) [per l'analisi dei diversi orientamenti sul tema, vedi scheda su Accesso difensivo (art. 24 comma 7 L. 241/90)].

Leggi Tutto

T.A.R. Sardegna Cagliari - Sentenza n. 524 del 12/06/2019

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) - Accesso interno

Il professionista iscritto al relativo Ordine professionale ha, già solo per tale qualità, diritto di accedere al verbale dell’assemblea degli iscritti (con cui è stato approvato il bilancio di previsione) ed agli atti ivi richiamati [vedi Scheda su Soggetti attivi (L. 241/90)].

Leggi Tutto

T.A.R. Puglia Lecce - Sentenza n. 988 del 11/06/2019

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Differimento. OGGETTO (L. 241/90) - Pareri legali

Il T.A.R. Lecce ribadisce l'indirizzo tradizionale e prevalente secondo il quale il "differimento" è un provvedimento di accoglimento dell'istanza di accesso, con posticipazione ad una data futura del momento in cui l'ostensione diverrà effettiva; provvedimento da non confondere con gli atti soprassessori di sospensione del procedimento [sul punto vedi Scheda su Differimento (L. 241/90)]. E' ostensibile il parere legale contenente valutazioni giuridiche in seno ad un’attività istruttoria volta all’adozione di un provvedimento di nomina di un responsabile di una struttura complessa di una Asl, espressamente citato in detto provvedimento (in cui si disponeva “.. di prendere atto del parere pro veritate rassegnato dall’Avv. ..”) [sulla tematica vedi Scheda su Oggetto (L. 241/90) - Pareri legali].

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. III - Sentenza n. 3903 del 11/06/2019

PROCEDIMENTO (L. 241/90) (Fase istruttoria - Controinteressati)

Non sono configurabili soggetti “controinteressati” ex 3 D.P.R. 184/2006 se l’accesso ai documenti contenenti “dati personali” viene concesso schermando tali dati mediante la tecnica degli omissis, sì da rendere impossibile l’identificazione dei titolari e prevenendo in tal modo la possibile lesione del diritto alla riservatezza [vedi Scheda su Procedimento (L. 241/90) - Fase istruttoria].

Leggi Tutto

T.A.R. Lombardia Brescia - Sentenza n. 560 del 11/06/2019

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/90)

Il datore di lavoro citato in giudizio dai ex dipendenti per il riconoscimento di differenziali retributivi a titolo di lavoro straordinario e TFR ha diritto ex art. 24, comma 7, L. 241/90 (c.d. accesso difensivo) ad ottenere dall'I.N.P.S. copia delle domande di indennità di disoccupazione presentate da detti dipendenti, al fine di tutela giudizialmente i suoi interessi [per l'analisi della tematica e dei diversi orientamenti in merito, vedi Scheda su Accesso difensivo (art. 24 comma 7 L. 241/90)].

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 3097 del 07/06/2019

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90)

L’impresa che esercita un’attività imprenditoriale in un determinato contesto territoriale è legittimata ad accedere agli atti adottati dalla P.A. nei confronti di imprese concorrenti (nel caso di specie agli atti relativi alle autorizzazioni all'esercizio dell'attività sanitaria ed agli atti di accreditamento), in considerazione del suo interesse ad agire a parità di condizioni nel medesimo settore di mercato [sulla questione vedi amplius Scheda su Soggetti attivi (L. 241/90)].

Leggi Tutto

T.A.R. Liguria Genova - Sentenza n. 510 del 07/06/2019

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) - Legittimazione del denunciante e del denunciato

Il T.A.R. Genova aderisce al prevalente indirizzo giurisprudenziale secondo il quale il soggetto che ha subito un procedimento per l’accertamento di un abuso edilizio ha diritto di accedere all'esposto/denuncia presentato nei suoi confronti, anche se il procedimento si è concluso con l'archiviazione [per i vari orientamenti sul punto vedi Scheda su Legittimazione del denunciante e del denunciato nei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].

Leggi Tutto

T.A.R. Liguria Genova - Sentenza n. 511 del 07/06/2019

OGGETTO (L. 241/90) - Diritto di accesso e diritto di informazione

Aprendosi alla concezione del diritto di accesso come diritto all'informazione, il T.A.R. ligure afferma che un soggetto che ha avviato una causa risarcitoria nei confronti di un Comune e che è interessato ad estendere il giudizio anche agli amministratori ed ai dirigenti che hanno concorso ad adottare gli atti amministrativi ritenuti causa del danno, ha diritto di ottenere dallo stesso Comune i “dati personali” (residenza e codice fiscale) di quelle persone, in quanto ricavabili da documenti che ragionevolmente sono nella sua “liquida” disponibilità [per i rapporti tra diritto di accesso e diritto all'informazione, vedi Scheda relativa su Oggetto (L. 241/90)].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 7369 del 06/06/2019

SOGGETTI PASSIVI (L. 241/90) (SOGGETTI PRIVATI - Gestori di pubblico servizio)

Le Casse previdenziali private sono soggetti di diritto privato ai sensi del D.Lgs. 509/1994 e rimangono assoggettate alla disciplina pubblicistica dell’accesso “limitatamente alla loro attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o comunitario." (nel caso di specie il T.A.R. ha respinto il ricorso proposto da un dipendente della Cassa volto all'accertamento del diritto di accesso agli atti di gestione del patrimonio immobiliare dell'Ente] [vedi Scheda su Soggetti passivi (L. 241/90) - Soggetti di diritto provato].

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 7333 del 06/06/2019

OGGETTO (L. 241/90) (Tipologia di documenti)

I partecipanti ad un pubblico concorso hanno diritto di accedere al codice sorgente ed all’algoritmo di calcolo del software utilizzato per lo svolgimento delle prove scritte [vedi Scheda su Oggetto (L. 241/90)].

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. III - Sentenza n. 3780 del 05/06/2019

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (Atti delle procedure contrattuali)

Il Consiglio di Stato (sez. 3^ - Presidente ed Estensore Frattini) si pronuncia per la prima volta sulla dibattuta e controversa questione dell'accesso civico generalizzato agli atti delle procedure contrattuali, ammettendone la generale applicabilità "una volta che la gara sia conclusa" (nella fattispecie, la Sezione, annullando T.A.R. Parma 2018/197, ha ritenuto che fosse da accogliere l’istanza di accesso civico generalizzato ex D.Lgs. 33/2013 presentata da un’impresa esclusa da una procedura di affidamento di un appalto, che chiedeva, a conclusione della gara, copia degli atti della procedura di scelta del contraente, del contratto di appalto e di alcuni documenti riguardanti l’esecuzione dello stesso) [per l'approfondita analisi della questione e dei vari indirizzi giurisprudenziali in campo, vedi Scheda su Accesso civico].
 

Leggi Tutto

T.A.R. Toscana Firenze - Sentenza n. 828 del 04/06/2019

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90)

Il T.A.R. Toscana ribadisce che, ai fini della legittimazione attiva all'accesso documentale ex L. 241/90, la "corrispondenza" (o il "collegamento") dell'interesse alla situazione giuridicamente tutelata "non può essere intesa in senso ampio, posto che la documentazione richiesta deve essere, genericamente, mezzo utile per la difesa dell'interesse giuridicamente rilevante e non strumento di prova diretta della lesione di tale interesse", di talchè il diritto di accesso non può subire limitazioni "sulla base di unilaterali valutazioni dell'amministrazione in ordine alla maggiore o minore utilità dell'accesso ai fini di una proficua tutela giurisidzionale delle posizioni soggettive dell'istante (c.d. tesi della "strumentalità in senso ampio") [per le due diverse concezioni giurisprudenziali sul punto, vedi Scheda su Soggetti attivi (L. 241/90)].

Leggi Tutto

T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 6584 del 27/05/2019

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) - Legittimazione del denunciante e denunciato

Il proprietario di un immobile adiacente ad un esercizio di distribuzione carburante ed autolavaggio che ha presentato all’Autorità competente esposti e segnalazioni denunciando disagi derivanti dall’esercizio di detta attività è legittimato ad accedere agli atti con cui l’Amministrazione, dopo avere adottato provvedimenti sanzionatori nei confronti del titolare dell’esercizio, ha riesaminato in autotutela amministrativa detti provvedimenti [sulla questione vedi Scheda su Legittimazione del denunciante e del denunciato nei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 2779 del 23/05/2019

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Titolarità attiva)

Decide il T.A.R. campano che l’impresa esclusa dalla gara nella fase preliminare della verifica dei requisiti per la partecipazione è legittimata ad accedere agli atti di verifica della documentazione amministrativa presentata dalle imprese concorrenti (avendo la richiedente partecipato a tale fase procedimentale), ma non anche alle loro offerte tecniche ed economiche (non avendo la stessa impugnato la sua esclusione e l’aggiudicazione alla controinteressata) [vedi Scheda su Accesso agli atti delle procedure contrattuali].

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. III - Sentenza n. 3263 del 21/05/2019

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Segreti speciali in ambito sanitario

Gli atti relativi alla segnalazione ed al monitoraggio dei c.d. “eventi sentinella” fanno parte dell'attività di prevenzione e gestione del rischio sanitario (c.d. risk management) ed in quanto tali sono segretati e non ostensibili ai sensi dell'art. 1, comma 539, Legge 208/2015 [vedi Scheda su Gli altri casi di segreto previsti dalla legge (art. 24 c. 1 L. 241/90) - Segreti speciali in ambito sanitario].
 

Leggi Tutto

Consiglio di Stato sez. III - Sentenza n. 3232 del 21/05/2019

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Segreto industriale e commerciale)

In applicazione del Regolamento sull'accesso dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), la 3^ sezione del Consiglio di Stato ribadisce i principi in base ai quali va risolto il conflitto tra l’interesse conoscitivo dell’azienda titolare di un brevetto per determinati farmaci a verificare la regolarità del procedimento di autorizzazione all’immissione in commercio dei corrispondenti farmaci generici rilasciata ad un'azienda concorrente ed il controinteresse di quest'ultima a tutelare i segreti tecnici e commerciali [vedi Scheda su Limitazioni del diritto di accesso (L. 241/90) - Segreto industriale e commerciale].

Leggi Tutto

T.A.R. Lombardia Milano - Sentenza n. 1121 del 16/05/2019

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Segreti tecnici e commerciali)

Il T.A.R. ribadisce che per poter beneficiare della esclusione dell'accesso alle offerte tecniche da parte delle imprese concorrenti invocando il "segreto tecnico e commerciale" ex art. 53, comma 5, lett. a) D.Lgs. 50/2016, l'offerente è tenuto a motivare e provare in modo analitico e concreto gli specifici elementi tecnici di segretezza dell'offerta [fattispecie relativa ad appalto di lavori di rifunzionalizzazione di impianti sportivi) (vedi Scheda su Limitazioni dell'accesso agli atti delle procedure contrattuali].

Leggi Tutto

T.A.R. Puglia Bari - Sentenza n. 666 del 16/05/2019

OGGETTO (L. 241/90)

In linea con l'idea tradizionale secondo la quale il diritto di accesso ex L. 241/90 può avere ad oggetto soltanto "documenti" e non già "informazioni", il T.A.R. ritiene non accoglibile l’istanza con cui un farmacista utilmente collocato nella graduatoria per l’assegnazione di sedi farmaceutiche chiede all’Autorità competente di conoscere i dati relativi alle sedi farmaceutiche ancora da istituire sulla base degli indici Istat di popolazione, non potendosi esigere dalla P.A. un’attività di elaborazione di dati ed informazioni allo stato inespressa [per l'esame dei rapporti tra diritto di accesso e di diritto di informazione, vedi Scheda su Oggetto (L. 241/90)].

Leggi Tutto

T.A.R. Sicilia Catania - Sentenza n. 1128 del 14/05/2019

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) - SOGGETTI PASSIVI (L. 241/90) (Soggetti privati - Gestori di pubblico servizio)

In un'ottica di "strumentalità" in senso ampio del diritto di accesso, l’impresa che esercita un’attività imprenditoriale in un determinato contesto territoriale è legittimata ad accedere agli atti adottati dalla P.A. nei confronti di imprese concorrenti e ciò anche al solo fine di verificare se sono state riservate particolari condizioni di favore e poste in essere condotte anticoncorrenziali [vedi Scheda su Soggetti attivi (L. 241/90)]. In particolare, una società sub concessionaria del servizio aeroportuale ha diritto di accedere agli atti contrattuali con i quali la concessionaria che gestisce l’aeroporto ha sub-concesso parte dei servizi ad altra compagnia aerea, anche al fine di verificare se le condizioni contrattuali concesse determinino o meno una disparità di trattamento [vedi Scheda su Soggetti passivi (L. 241/90) - Soggetti di diritto privato].

Leggi Tutto

T.A.R. Calabria Reggio Calabria - Sentenza n. 328 del 14/05/2019

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) (Accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/90)

Per il T.A.R. Reggio Calabria il medico ospedaliero a cui è negato il trasferimento presso altra struttura territoriale dell’azienda sanitaria è legittimato ad accedere agli atti con cui l’Azienda lo ha invece concesso ad altri medici posti in condizioni analoghe alle sue [per la dibattuta questione della ammissibilità dell'accesso difensivo ex art. 24 comma 7 L. 241/90 al fine di verificare eventuali disparità di trattamento nell'azione amministrativa, vedi Scheda su Accesso difensivo (art. 24 comma 7 L. 241/90)].

Leggi Tutto

Consiglio di Stato Sez. VI - Sentenza n. 3086 del 13/05/2019

LIMITAZIONI (L. 241/90) (Diritto alla riservatezza e procedure selettive)

Il Consiglio di Stato ribadisce che la "riservatezza" dei dati personali non può essere invocata in relazione ad elaborati destinati, per loro natura, al confronto con altri candidati in un contesto di competizione concorsuale o selettivo (conferma T.A.R. Roma 2019/997 riguardante una procedura valutativa ai sensi dell’art. 24, c. 6, L. 240/2010 per ottenere l’idoneità a professore associato) [vedi Scheda su Diritto alla riservatezza (L. 241/90)].

Leggi Tutto

T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 2486 del 09/05/2019

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (Controllo sulle finalità dell'istanza - Limitazioni - Procedimento)

Con una "sentenza-trattato" sull'accesso civico generalizzato il T.A.R. Campania - Napoli (Pres.Passoni - Est. Corrado) analizza l'istituto, affermando importanti principi in tema di titolarità attiva, di limitazioni e di procedimento. In merito alla titolarità attiva, il T.A.R. nega la possibilità da parte dell'Amministrazione di sindacare la finalità dell'istanza di accesso,  affermando che << anche finalità “egoistiche e personali” possono essere poste a fondamento di una istanza di accesso civico generalizzato >> [per un'ampia analisi della questione, vedi Accesso civico - Soggetti attivi, nonchè A. Berti "Note critiche sulla funzionalizzazione dell'accesso civico generalizzato" pubblicato in questo portale]. In tema di limitazioni del diritto di accesso civico generalizzato, il T.A.R. afferma per la prima volta l'applicabilità nel nostro ordinamento del c.d. criterio del “public interest test” (test dell’interesse pubblico), in base al quale un documento va osteso se, nonostante il “pregiudizio concreto” a determinati interessi pubblici o privati, vi è comunque un interesse pubblico prevalente alla sua ostensione e divulgazione [vedi Scheda su Accesso civico - Limitazioni relative (art. 5-bis commi 1 e 2 D.Lgs. 33/2013)]. Con riguardo al procedimento, il T.A.R. precisa la nozione di "controinteressato" [vedi Scheda su Fase istruttoria] e conferma che, in caso di "istanze massive", l'Amministrazione deve operare secondo il criterio del "dialogo cooperativo" con il richiedente l'accesso [vedi Scheda su Fase di iniziativa].
 

Leggi Tutto

Pagina 1 di 37