T.A.R. Piemonte Torino - Sentenza n. 42 del 13/01/2023

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (PROCEDIMENTO - Fase di iniziativa) - TUTELA GIUDIZIALE DAVANTI AL G.A.

A seguito del diniego di un’istanza di accesso documentale ex L. 241/90, l’interessato può sempre presentare un’istanza di accesso civico generalizzato ex D.Lgs. 33/2013, trattandosi di due istituti distinti ed autonomi che operano sulla base di norme e presupposti differenti; ne consegue, tra l'altro che che il passaggio in giudicato della sentenza che respinge il ricorso avverso un provvedimento di diniego di un’istanza di accesso documentale ex L. 241/90 non preclude la presentazione successiva di un’istanza di accesso civico generalizzato ex D.Lgs. 33/2013 avente ad oggetto i medesimi documenti, sulla quale la P.A. ha l’obbligo di pronunciarsi [vedi Scheda Fase di iniziativa (accesso civico)].
Avverso il silenzio sull’istanza di accesso civico l’interessato (istante) può proporre ricorso con il rito avverso ils ilenzio ex artt. 31 e 117 Codice Processo Amministrativo [vedi Scheda TUTELA GIUDIZIALE DAVANTI AL GIUDICE AMMINISTRATIVO].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.