Consiglio di Stato - Sentenza n. 9843 del 10/11/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI (Soggetti attivi)

Per la V Sezione del Consiglio di Stato, un’associazione sportiva dilettantistica che si è vista notificare dal Comune un provvedimento di divieto di accensione dell’impianto di illuminazione dei campi sportivi dalla stessa utilizzati in ragione della mancanza dell’autorizzazione ai sensi della normativa regionale sul contenimento dell’inquinamento luminoso e sul risparmio energetico non ha diritto ex D.Lgs. 195/2005 di accedere alle autorizzazioni (e relativi progetti) rilasciate ad altre associazioni concorrenti per impianti simili al fine di verificare eventuali disparità di trattamento, atteso che lo scopo dell’istanza risponde ad un "interesse economico" e non ad un interesse propriamente "ambientale" [sulla dibattuta questione e sui differenti orientamenti giurisprudenziali sul punto vedi Scheda Accesso alle informazioni ambientali su richiesta].
Inoltre, detta istanza non è accoglibile neppure ai sensi della disciplina dell'accesso documentale ex L. 241/90, atteso che, secondo la costante giurisprudenza, il vizio di "disparità di trattamento" non può essere dedotto per rivendicare l'eventuale applicazione in proprio favore di posizioni giuridiche riconosciute ad altri soggetti in modo illegittimo [sulla questione, anche questa bitattuta, vedi Scheda  Criteri di valutazione della "necessità di difesa"].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.