T.A.R. Veneto Venezia - Sentenza n. 1637 del 28/10/2022

PROCEDIMENTO (L. 241/90) (Fase decisoria - Silenzio-diniego)

Il decorso del termine di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza di accesso previsto dall'art. 25 Legge 241/90 non consuma il potere della P.A., che può, quindi, sempre pronunciarsi in modo esplicito sull’istanza stessa. Ne consegue che un diniego esplicito che sia fondato su una motivazione espressa, in esito all’istruttoria compiuta ed alla valutazione effettuata, non può assumere le caratteristiche di un "atto meramente confermativo" del precedente silenzio-diniego, ma costituisce "atto di conferma" a carattere rinnovativo, che modifica la realtà giuridica, riapre i termini per la proposizione del ricorso giurisdizionale e deve, pertanto, essere specificamente impugnato [vedi Scheda Silenzio-diniego].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.