Consiglio di Stato - Sentenza n. 7703 del 05/09/2022

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DEI PROCEDIMENTI EDILIZI

Per la VI Sezione del Consiglio di Stato, l’istanza di accesso ad atti di una pratica edilizia risalente al 1962 motivata con il fatto che le opere assentite potrebbero invadere il fondo di proprietà dell’istante non può essere accolta se dal progetto licenziato depositato in giudizio dall’Amministrazione risulta che le opere non erano collocate al confine della proprietà del richiedente, considerato che la vicinitas non è da sola sufficiente ad integrare la motivazione dell’accesso difensivo ex art. 24, comma 7, L. 241/90 [per i diversi indirizzi giurisprudenziali sul punto vedi Scheda ACCESSO AGLI ATTI DEI PROCEDIMENTI EDILIZI].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.