Consiglio di Stato - Sentenza n. 4517 del 03/06/2022

OGGETTO (L. 241/90)

La III Sezione del Consiglio di Stato ribadisce che il diritto di accesso documentale ex L. 241/90 non può implicare un’attività di facere nella elaborazione di dati non contenuti in documenti esistenti (nella fattispecie si è ritenuto legittimo il diniego di una Regione dell’istanza di accesso ex L. 241/90 con cui una struttura sanitaria privata convenzionata con il SSN chiedeva i dati relativi a tutte le prestazioni sanitarie rese a pazienti non residenti nella Regione di competenza negli ultimi anni, nonché i dati informatici inviati alle altre Regioni debitrici, comprensivi dei relativi flussi finanziari) [sulla questione vedi Scheda OGGETTO (L. 241/90)].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.