T.A.R. Lazio Latina - Sentenza n. 587 del 26/10/2021

DISCIPLINE SPECIALI - DIRITTO DI INFORMAZIONE DEI CONSIGLIERI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI

Discontandosi dall'orientamento prevalente in giurisprudenza, il T.A.R. ritiene che il Consigliere comunale non abbia il diritto di accedere da remoto, mediante specifiche credenziali (user id e password), ai “dati sintetici” del protocollo informatico e ciò sia perché si tratterebbe di un accesso generalizzato ed indiscriminato e quindi generico e sproporzionato rispetto alle esigenze del mandato elettorale, sia per ragioni di riservatezza dei terzi, sia perchè anche i “dati sintetici” potrebbero rivelare dati personali [per l'ampia analisi della questione vedi Scheda su Oggetto del diritto di informazione del Consigliere].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.