T.A.R. Abruzzo L'Aquila - Sentenza n. 427 del 23/09/2021

DISCIPLINE SPECIALI - DIRITTO DI INFORMAZIONE DEI CONSIGLIERI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI

Per il T.A.R. anche per il diritto di informazione dei Consiglieri comunali ex art. 43 D.Lgs. 267/2000 si applica il principio giurisprudenziale secondo il quale << la mera reiterazione di una richiesta di accesso agli atti già rigettata dalla destinataria, che non sia basata su elementi nuovi rispetto alla richiesta originaria o su una diversa prospettazione dell'interesse a base della posizione legittimante l'accesso, non vincola l'amministrazione ad un riesame della stessa e rende legittimo e non autonomamente impugnabile il provvedimento meramente confermativo del precedente rigetto, già frapposto al medesimo soggetto e non fatto oggetto da questi di impugnativa nel termine >> [vedi Scheda su Diritto di informazione dei Consiglieri comunali, provinciali e regionali - Procedimento].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.