Consiglio di Stato sez. III - Sentenza n. 5213 del 09/07/2021

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (Oggetto)

Il Consiglio di Stato prende atto che, in ottemperanza alla sentenza del T.A.R. Roma n. 879 del 22.01.2021, il Ministero della Salute ha trasmesso a due Deputati della Repubblica (richiedenti) il documento di studio denominato "Piano Sanitario Nazionale in risposta ad una eventuale emergenza pandemica da Covid 19", di cui aveva parlato il direttore generale della programmazione sanitaria del Ministero in un intervista del 21 aprile 2020 [per l'ostensibilità degli "atti interni" vedi Scheda su OGGETTO (accesso civico)]. Nell'occasione la Sezione ha precisato che << .. a livello generale, sempre più dovrà essere soddisfatto, nella misura in cui lo consentiranno e verranno meno le preminenti esigenze di riservatezza volte a preservare la salute quale interesse della collettività, l’interesse pubblico, sotteso all’accesso civico generalizzato, ad ottenere la massima trasparenza in ordine agli atti con i quali il Governo e le autorità sanitarie hanno inteso fronteggiare, sin dal principio, la diffusione della pandemia da Covid-19 e far luce, secondo il principio della “casa di vetro” che contraddistingue la trasparenza dell’azione amministrativa (v., su questo punto, la già citata sentenza di Cons. St., Ad. plen., 2 aprile 2020, n. 10), sui moduli decisionali, invero complessi e articolati, che hanno condotto, anche in una fase procedimentale istruttoria o meramente preparatoria, all’adozione di misure emergenziali fortemente incidenti sull’esercizio dei diritti fondamentali. >>.
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.