T.A.R. Campania Napoli - Sentenza n. 4418 del 28/06/2021

LIMITAZIONI DEL DIRITTO DI ACCESSO (L. 241/90) - Diritto alla riservatezza (dati sensibilissimi)

Per il T.A.R. campano, la madre che intende impugnare il provvedimento giudiziale che dispone l’affidamento esclusivo della figlia minore in suo favore ma con diritto di frequentazione del padre non ha diritto di accedere alle vecchie cartelle cliniche di quest’ultimo sulla base della mera affermazione della necessità di acquisire tali documenti per verificare se è stato sottoposto a trattamenti farmacologici che potrebbero anche in futuro determinare la compromissione delle sue capacità psico-fisiche, mancando la circostanziata dimostrazione della “stretta indispensabilità” degli stessi ai sensi dell'art. 60 del Codice privacy; ciò anche tenuto conto della possibilità di istruzione probatoria nell’ambito del giudizio civile e del fatto che le decisioni giudiziali in materia di affido sono sempre emesse rebus sic stantibus, sì che poco o nulla servirebbe dimostrare situazioni passate che possono non essere più attuali [per la complessa questione vedi Scheda su Diritto alla riservatezza delle persone fisiche - Dati sensibilissimi o ultrasensibili].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.