Consiglio di Stato sez. V - Sentenza n. 3161 del 19/04/2021

DISCIPLINE SPECIALI - DIRITTO DI INFORMAZIONE DEI CONSIGLIERI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI

Aderendo all'indirizzo tradizionale (e tuttora prevalente), la V Sezione del Consiglio di Stato afferma che al Consigliere comunale non può essere opposto il diritto alla riservatezza di soggetti terzi in quanto l'esigenza di tutela di tale diritto è assicurata dall'art. 43, comma 2 del TUEL, che si impone ad essi il segreto. Ne consegue che nel procedimento di accesso dei Consiglieri non sono configurabili "controinteressati", nè sul piano amministrativo, nè sul piano processuale [sulla controversa questione vedi Schede su Limitazioni del diritto di informazione del Consigliere e Procedimento].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.