T.A.R. Abruzzo L'Aquila - Sentenza n. 421 del 17/11/2020

DISCIPLINE SPECIALI - ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI (Titolarità attiva)

Facendo applicazione dei principi affermati dall'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato con la sentenza n. 10/2020, il T.A.R. ritiene che l’impresa seconda classificata sia legittimata ad accedere agli atti di esecuzione del contratto d’appalto stipulato con l’aggiudicataria (in particolare, si trattava dell’elenco del personale impiegato dall’appaltatore nello svolgimento del servizio e degli eventuali atti di contestazione da parte della stazione appaltante), al fine di verificare eventuali inadempimenti della stessa, qualora alleghi la sussistenza di seri “indizi” circa la non corretta esecuzione del contratto, tramite, ad esempio, la produzione in giudizio di articoli di stampa sulla vicenda; e ciò anche se il contratto sia nel frattempo scaduto, potendo il suo interesse riguardare un’eventuale risarcimento del danno [sulla questione vedi Scheda su Accesso agli atti delle procedure contrattuali].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.