Consiglio di Stato sez. II - Sentenza n. 6370 del 21/10/2020

SOGGETTI ATTIVI (L. 241/90) (Legittimazione del denunciante e del denunciato)

Per la 2^ Sezione del Consiglio di Stato, il recluso in una struttura penitenziaria ha diritto di accedere agli atti di un procedimento disciplinare esperito nei suoi confronti (ivi compresa la relazione di servizio che ne ha dato origine) soltanto previo oscuramento dei nominativi e dei dati personali degli agenti firmatari della relazione (nella specie la Sezione ha confermato la legittimità di un provvedimento disciplinare irrogato al direttore della Casa circondariale per non avere provveduto all’oscuramento di tali dati personali, pregiudicando la sicurezza dei loro titolari, che avevano conseguentemente subito minacce e ritorsioni e dovuto chiedere il trasferimento di sede) [per l'analisi della questione e dei diversi indirizzi giurisprudenziali sul punto, vedi Scheda su Legittimazione del denunciante e del denunciato nei procedimenti ispettivi, sanzionatori e disciplinari].

 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.