T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 7174 del 25/06/2020

DIRITTO ALL'INFORMAZIONE

Il T.A.R. Lazio torna (in sede di merito) sul ricorso proposto dal Codacons per ottenere dalla Protezione civile informazioni e dati relativi all’emergenza sanitaria Covid-19, ulteriori rispetto a quelli già forniti quotidianamente mediante gli appositi bollettini (es. numero di deceduti nella propria abitazione, posti disponibili in terapia intensiva presso le strutture sanitarie, ecc.), affermando i seguenti principi: 1) lo strumento dell'accesso documentale ex L. 241/90 non può essere utilizzato per ottenere informazioni non veicolate da documenti già esistenti [sul punto vedi Scheda su Oggetto (L. 241/90)]; 2) il diritto all'informazione dei cittadini può invece essere soddisfatto mediante l'istituto dell'accesso civico generalizzato ex D.Lgs. 97/2016 [sul punto vedi Scheda su Oggetto (Accesso civico)].
Nel caso di specie il ricorso del Codacons è stato respinto perchè l'istanza di accesso era stata formulata ai sensi della Legge 241/90.
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.