T.A.R. Lazio Roma - Sentenza n. 8273 del 25/06/2019

SOGGETTI PASSIVI (L. 241/90) (SIAE) - MISURE ORGANIZZATIVE (L. 241/90) - Trasmissione dell'istanza di accesso tramite PEC

Gli associati alla SIAE (Società italiana degli autori e degli editori) hanno diritto ex L. 241/90 di accedere a tutti gli atti ed i documenti inerenti l’attività di interesse pubblico esercitata da detto soggetto, trattandosi di un Ente pubblico economico a base associativa (ex Legge 2/2008) che svolge istituzionalmente attività di pubblico servizio (intermediazione del diritto d’autore); ciò indipendentemente dal fatto “L’attività della SIAE è disciplinata dalle norme di diritto privato” (ex art. 1 c. 1 L. 2/2008) e dal fatto che, a seguito del D.Lgs. 35/2017, detto servizio non è più svolto in regime di monopolio, ma è consentito, in regime concorrenziale, anche ad altri organismi di gestione collettiva (fattispecie relativa ad un’istanza di accesso agli atti di un procedimento di vigilanza intrapreso dalla SIAE nei confronti di suoi associati) [vedi Scheda su Soggetti passivi (L. 241/90) - Soggetti di diritto pubblico]. La trasmissione dell’istanza di accesso o di documentazione inerente il relativo procedimento tramite posta elettronica certificata (PEC) può avvenire anche senza firma digitale, atteso che la PEC garantisce la provenienza del messaggio da parte del mittente, assolvendo alla medesima funzione della firma digitale [vedi Scheda su Misure organizzative (L. 241/90)].
 

ATTENZIONE: questo documento è riservato agli abbonati. Per accedere ad esso, inserisci le chiavi di accesso nelle sottostanti caselle.